Pasqua

10 nov 2008

I Marubini



La leggenda dei marubini

Questo é il classico piatto che non manca mai a Natale sulla tavola dei cremonesi.
E' per la raccolta di Carmen, e qui trovate il regolamento.
I rubini (nella tradizione popolare sono considerati le pietre del sole) miracolosi di Cremona – meglio noti come MARUBINI
La sua origine risale alla metà del '400. La tradizione vuole che nel 1414 Cabrino Fondulo, signore di Cremona, invitasse a Cremona Papa Giovanni XXII e l’imperatore Sigismondo di Lussenburgo, con l’intento di scaraventarli dal Torrazzo. Durante un banchetto fece servire ai due illustri ospiti uno straordinario piatto in brodo, i marubini di Mubone, quale omaggio cinico a due prossimi defunti. Si narra, che il ringraziamento spassionato per quel piatto regale, (il papa sembra abbia detto "ma questi sono rubini", perciò mangio rubini e da lì majo rubini, a marubini il passo é breve) fece recedere il despota dal suo proposito. Fu così che si radicò il convincimento popolare che “en piàt de marubèen el fa resuscitàa àan i mòort” (un piatto di marubini fa resuscitare anche i morti)
(dosi x 6 persone)
Pasta:
250 g di farina di grano tenero
250g di farina di grano duro
4 uova intere da 80 g
30/40 g olio d’oliva
Ripieno:
500g di carne bovina magra unita a cipolla, sedano, carota + 250 g circa di vino rosso corposo con cui preparare il brasato
300 g di carne di vitello arrostita al forno profumata alla salvia e al rosmarino
300 g di carne di maiale, (lonza) cotta e insaporita con alcune spruzzate di vino bianco secco
300g di grana padano
3 uova intere
Pane grattugiato, sale e noce moscata.
Con la pasta tirata sottilissima formare i marubini: tagliare dei quadrati di sfoglia di circa 8 cm di lato, deporvi al centro un poco di ripieno e chiudere la pasta. Cuocerli rigorosamente in brodo, con il brodo ottenuto da un bollito di tre tipi di carne: manzo, vitello , gallina ripiena, e verdure consuete.

15 commenti:

soleluna ha detto...

Che bella la storia di questo piatto....la tua provincia è ricca di tradizioni....che a bg non ci sono forse perchè la nostra è una provincia divisa a metà tra pianura e montagna...comunque questo piatto è delizioso basta guardarlo e ti dà la sensazione della festa ciao

germana ha detto...

Grazie Luisa, é proprio vero ci sono tante tradizioni dalle nostre parti, peccato che Cremona sia un po' la cenerentola delle provincie lombarde, perché poco conosciuta soprattutto per i bellissimi monumenti di arte romanica e non solo...
ciao

Mirtilla ha detto...

che delizia!!!!

germana ha detto...

Sì Mirtilla, un po' laboriosetto come piatto, ma vale la pena.
un bacio

michela ha detto...

Bella la storia e bello il piatto.
Questi non li ho mai fatti....
Mi segno tutto.
ciao
grz

Caty ha detto...

Grazie di questo bel racconto !anche per oggi ho trovato un sorriso :-) buona giornata e buoni...rubini

sorbyy ha detto...

Questo piatto ha una storia bellissima.
Non li ho mai fatti adesso mi copio subito la ricetta ciao

germana ha detto...

Sono contenta che la storia vi sia piaciuta.. ma anche i marubini
un bacio a Michela e a Caty

germana ha detto...

Ciao Maria, sono sicura che ti/vi piaceranno
un bacione

manu e silvia ha detto...

Davvero buoni questi marubini!! In brodo devono rendere tantissimo! E un piatto caldo adesso sarebbe perfetto!!
Interessante la loro storia..un piatto importante allora!!
bacioni

germana ha detto...

Sì care gemelline, insostituibile da noi per le feste comandate.
due baci

La cuisinière parisienne ha detto...

Buonissimi i Marubini!!!E' tanto che non li mangio!!!
Questi per noi cremonesi sono un must...soprattutto per la vigilia ;)
Un bacione Erika

germana ha detto...

Sì cara Erika, ma anche a Capodanno non sono male..
Un bacione e buona notte

Castagna e Albicocca ha detto...

Non li conoscevo, la storia è molto bella!
Castagna

germana ha detto...

Grazie castagna
ciao