Pasqua

29 giu 2010

Zucchine,pomodori, cipolle...


Un piatto estivo, semplice, saporito con le verdure di stagione.

Ingredienti
2 zucchine
2 pomodori
1 cipolla bianca media
1 spicchio d'aglio
2 cucchiai di olio evo
sale - pepe
Pane grattugiato q.b.

Procedimento
 Tagliare le zucchine a rondelle, i pomodori a spicchi e la cipolla a rondelle sottili, tagliate  con la mandolina.
Scaldare l'olio con l'aglio intero, e scottarvi le zucchine per qualche minuto.
Versare le zucchine con il condimento in una pirofila ed unire i pomodori e la cipolla, sale e pepe.
Cospargere le verdure di pan grattato ed infornare per una ventina di minuti. Aggiungere a metà cottura del brodo caldo.
Un piatto ottimo, sia caldo che freddo.

24 giu 2010

Pane al taleggio




 E' vero, fa caldo per accendere il forno, però dovevo rinfrescare il lievito madre e mi dispiaceva tantissimo buttarne una parte..
Era bellissimo, con i suoi "occhioni imploranti"...  allora ho iniziato i rinfreschi e gli impasti.
Per le quantità ho fatto un po' a occhio.

1° rinfresco
ore 14
125 g di lievito madre
125 g di farina
75 g acqua.
Impastato e lasciato lievitare 3 ore

2° rinfresco
ore 17
quantità di farina uguale al peso del 1° lievito + metà peso di acqua.
Impastato e messo in una ciotola ben coperta e lasciato tutta la notte in frigorifero.

La mattina seguente ho ripreso l'impasto lasciato due ore a temperatura ambiente, poi l'ho sciolto in acqua (metà del suo peso) con un cucchiaino di miele, messo nell'impastatatrice ed ho aggiunto:
  • un cucchiaino di sale 
  • tanta farina fino a quando ha assorbito tutta l'acqua 
  • 300 g di taleggio a pezzetti
La mia macchina del pane impiega 20 minuti.Ho lasciato lievitare ancora due ore, poi ho formato la pagnotta guardando  qui

Infornato per 10 minuti a 250° vaporizzando ogni 5 minuti, abbassato il forno a 180° per un'altra mezz'ora.
Buono per uno spuntino da mangiare con un'insalata fresca ,davanti al televisore per una partita della nostra nazionale.

18 giu 2010

Gelato al Grana Padano



Lo chiamano l'Oro della Valle Padana, la cui lunga tradizione può fornire innumerevoli spunti per ricette  da abbinare a proposte "trendy".
Con i suoi mille anni di storia alle  spalle, questo formaggio  offre un importante vantaggio : la sicurezza di un alimento sano, di ottima qualità, dagli equilibrati apporti nutrizionali, attentamente controllato e ricco di elementi importanti per l'organismo di tutte le età.
Ho voluto provare questa ricetta "trendy", servita con crostini al posto di un normale piatto di formaggi; una trovata originale, ma soprattutto gradita, molto gustosa ed imperdibile per un'ottima figura tra amici e non.
Semplicemente così:

Ingredienti
400 g di Grana Padano grattugiato Soresina
8 dl di panna liquida fresca
sale-pepe

Preparazione:
In una casseruola mescolare accuratamente tutti gli ingredienti.Mettere poi il composto sul fuoco molto basso avendo cura di continuare a mescolare fino a quando risulterà liscio e ben amalgamato.
Togliere dal fuoco, farlo raffreddare e passare al setaccio. Versarlo in una gelatiera (io uso la Girmi) e  azionare l'apparecchio come un normale gelato alla crema.

14 giu 2010

Confettura di more di gelso

Deliziosa confettura preparata con un frutto antico: le more del gelso.
Questa pianta originaria della Persia, era molto diffusa nel secolo scorso, soprattutto da noi nella Pianura Padana, e veniva coltivata perché le sue foglie fornivano  il cibo ai bachi da seta, e con  i suoi dolcissimi frutti si faceva, appunto, la marmellata o meglio la confettura di more.




Nell'antichità, racconta Plinio, che questi frutti potevano curare molti mali: quelli acerbi  (Morus nigra) portati addosso arrestavano le emorragie, mentre quelli maturi davano un medicamento che unito al miele, mirra e zafferano combatteva il mal di gola ed i disturbi di stomaco.

Questi rimedi oggi ci fanno sorridere, però la moderna fitoterapia ha confermato parte di quegli usi.

Queste sono quelle del mio alberello, che quest'anno é stato particolarmente generoso, e non hanno i semini.

Ingredienti:

1 K di more
300 g di zucchero di canna (si può aumentare la dose a seconda della dolcezza del frutto)
il succo di 1 limone

Macerare  le more in una pentola d'acciaio spessa, con lo zucchero ed il succo del limone almeno 12 ore.
Mettere quindi la pentola sul fuoco e cuocere fino alla prova goccia sul piattino.
Invasare ancora calda e chiudere i vasetti una volta raffreddati.



11 giu 2010

Risotto con rapanelli...




...anzi risotto con le foglie di rapanelli.
La" conditio sine qua non" é che le foglie devono essere freschissime e tenere.
Ho cominciato con il preparare prima il brodo vegetale con il quale fare il risotto.

Brodo vegetale
1 cipolla
1 patata
1 mazzetto di foglie di rapanelli
sale

Tagliare a tocchetti tutte le verdure, coprire con acqua fredda ed al bollore salare.

Risotto
1/2 cipolla
2 pugnetti x persona di riso Carnaroli
1 mazzetto di foglie di rapanelli
1/2 bicchiere di vino bianco secco
1 cucchiaio burro Soresina
1 cucchiaio di olio evo

Per mantecare
Panna e Grana Padano Soresina grattugiato a piacere.

qualche rapanello intero per decorare

Procedimento:
Tagliare la cipolla molto sottile e le foglie di rapanello e farle appassire in una noce di burro ed 1 cucchiaio d'olio.
Aggiungere il riso, lasciare tostare e sfumare con il vino bianco. Portare a cottura unendo man mano il brodo vegetale ovviamente caldo.
Lasciare mantecare il risotto con la panna ed il grana grattugiato.

Impiattare decorando con qualche rondella di rapanello.

Un risotto semplice e neanche tanto calorico rispetto al "risott giald" che facciamo qui in Lombardia, con il midollo dell'osso di vitello.

10 giu 2010

Cuoricini soffici



Ancora lievito madre.
Le dosi? Beh con il lievito che dovreste buttare fate un paio di rinfreschi.
Stendete l'impasto di 3 mm di spessore e con  il taglia biscotti ricavate dei cuoricini che metterete sulla teglia da forno ricoperta di carta.Fate lievitare un'ora circa (fino al raddoppio).

Con la punta delle dita premere il centro del cuoricino in cui metterete un datterino un po' schiacciato, e un pizzico di sale.
Infornate  a 200°per 5 minuti.
Togliete dal forno ed aggiungete un pezzetto di acciuga (le mie erano in salsa piccante) e un goccio d'olio.
Infornate di nuovo per altri 7/8 minuti.
Ognuno le può farcire come vuole,con una pasta così soffice spaziare con la fantasia é un gioco.

07 giu 2010

Treccia al limoncello



Treccia con lievito madre, che con questo caldo triplica che é una meraviglia, sofficissima che ti concilia con il mondo quando la mattina la mangi accompagnata da un buon te, per chi come me non beve caffè.


Ingredienti

300 g di farina Manitoba
200 g di farina 0
200 g di lievito madre
2 tuorli
100 g di zucchero
170 g di latte
25 g di limoncello
100 g di burro morbido Soresina
1 cucchiaino di sale.

Il lievito madre é stato rinfrescato due volte alla distanza di 3 ore circa tra il primo ed il secondo rinfresco.
Impastare tutti gli ingredienti,  tranne il  burro ed il  sale che lascerete per ultimi, nella macchina del pane con il programma impasto.
Far incordare. Poi aggiungere il burro a pezzetti e infine il sale. Far assorbire bene il burro. Coprire la ciotola con pellicola e lasciare tutta la notte nel forno spento. 
La mattina, l'impasto sarà triplicato.
Formare 2 trecce (3 cordoni ognuna, di pari peso) e mettere a lievitare negli stampi da plum cake: ho usato quelli in alluminio, quindi non é stato necessario imburrarli.
Far lievitare fino a che non arrivano al bordo dello stampo, mi ci sono volute meno di due ore.
Spennellare con l’ uovo sbattuto con poco latte e cospargere di granelli di zucchero ; infornare a 180° per 20 minuti circa.